Nel mare senza onde.. n°2

Prendo spunto dalla risposta per Rosa che chiede del mio nuovo template. Io non ho mai nuovi template. Ho sempre la stessa “scena” che adatto a mio piacimento a seconda dei miei stati d’animo e dei miei pensieri. La musica è sempre parte integrante e dovrebbe aiutare a captare il messaggio implicito del post (che so bene che è ermetico).

“Il mare senza onde” è un mare anomalo perché l’onda fa parte del mare.. come la comunicazione fa parte di noi. Può essere un’onda larga e placida.. oppure un cavallone spumeggiante.. Può essere frebile risacca o una impercettibile variazione del livello dell’acqua dovuta all’andirivieni di un pesce,.. ma di fatto raramente è calma piatta. E così per noi.. Noi comunichiamo anche solo con uno sguardo silenzioso ma di fatto comunichiamo sempre ed è anche vero che di solito riceviamo risposte che riusciamo bene o male ad interpretare… Ma questo non succede in un mare senza onde.. dove se lanciamo un sasso non si genera il susseguirsi dei cerchietti che si allontanano dal punto d’impatto del sasso con l’acqua… e nella mia matafora il significato va ricercato nel parlare molto e variamente … ma di non riuscire ad ottenere risposte.

Io potrei soffermarmi e descrivere meglio questa mia idea filosofica che ho in testa ma sarebbe come quando si rivela la soluzione di un problema.. in quel momento il problema è risolto e non è più un problema.. Invece ciò che è bello è discuterne  dialetticamente.. anche se è difficile da fare..

Buona giornata a tutti,

Alidada

Annunci

27 comments

  1. ci devo pensare, a questa immagine.. del mare senza onde. nella mia testa *non può esistere* un mare senza onde, anche se sono così piccole da risultare quasi impercettibili.. ho sempre creduto sia così anche nella comunicazione tra persone. il problema è riuscire a far sì che ogni onda, anche la più minuscola, non vada persa.. oltre al problema del capirsi, poi. che è davvero un problema grosso. ma quando succede – di comunicare in modo autentico – allora è una gioia davvero profonda..
    un abbraccio, e buona giornata :*

    Mi piace

  2. do per scontato che chi passa di qui mi conosca da secoli… e così facendo ho fatto sentire Rosa fuori luogo. Mi sento una caprona 😦 ..ecco cosa vuol dire il mare senza onde.. vuol dire non saper coordinare la comunicazione.. e io ne sono l’esempio lampante 😦
    Forse dovrei essere meno istintiva e più riflessiva quando espongo il mio pensiero..
    Mannaggia è tardi per impararlo alla mia età 😦
    Scusami tu Rosa.. ti mando un sorriso :-)*

    Mi piace

  3. Ora mi sento proprio in un mare senza onde! C’è qcn dall’altra parte che non saprà mai quello che gli voglio dire, perchè non mi sente, non può è troppo lontano da me e ci separa il silenzio!!

    Baci
    Tata

    Mi piace

  4. questa foto è stata sapientemente(?)
    ritoccata….ma xchè non possiamo fare così alla nostra vita?

    ogni tanto un colore nuovo…
    un cpia-taglia-incolla….

    Mi piace

  5. Il problema della estrema difficoltà di comunicare in modo autentico, è forse la causa principale di molte incomprensioni e nevrosi.
    Questo è un tema che abbiamo affrontato spesso nei nostri blog (mi riferisco a te, a Lunella, a me)…
    Quando si parla di comunicazione e quindi del tentativo di “capirsi” al di là della pura e semplice condivisione di un codice,non perché si interpreta l’altro, ma perché si condividono i significati e quindi la “cultura” dell’altro, allora non sono importanti soltanto le parole -che in questo caso smettono di essere simboli vuoti- ma, come dicevi tu, anche e soprattutto tutti quei paralinguismi, cenni, sorrisi, gesti che rendono completo uno scambio emotivo.
    Scusami ma questi temi “mi appartengono” non solo per mestiere ma perché mi appassionano.
    Un bacio.

    Mi piace

  6. .. quando arrivo in fondo ai tuoi commenti Pro..vorrei tanto che tu continuassi a parlarmi. Mi piace molto sentire che mi capisci e che poi mi spieghi come stanno le cose.. Mi affascina la psicologia… grazie

    Mi piace

  7. a volte, quando mi trovo a scrivere cose così “pesanti”..penso di non esserne capace e che il post sarà noioso da leggere ..e penso che forse nessuno capirà quel che volevo dire.. ogni volta resto stupita del feeling che c’è tra me e voi..e mi piace la visione sfaccettata del problema, che voi mi fornite ..e che integra il mio pensiero e lo arricchisce.. è davvero uno scambio molto bello e devo dire che quando il blog serve e aiuta a far riflettere mi piace un sacco….
    Grazie amici miei..

    Mi piace

  8. O caspiterina! Ho fatto una pausa e sono venuta qui e mi trovo in mezzo ad una sottile disquisizione psicologica sulla comunicazione. Ripasserò questa sera con calma, ora sono proprio di corsa! Ciao Ali 😉

    Mi piace

  9. Cara Ali, a volte con alcune persone non c’è davvero bisogno di tante parole!!
    Chissà perchè, nella mia testa, il mare è sempre calmo, come un qualcosa che avvolge, che abbraccia, e non fa male… 🙂

    Wood

    Mi piace

  10. Il mare senza onde io lo vedo come la comunicazione del silenzio, la comunicazione del vuoto. E’ questo un tipo di comunicazione diverso, che si estranea da quelli che sono i codici classici della comunicazione ma che risulta molto più intensa. Se vuoi arrivare al cuore di una persona devi capire i suoi silenzi, cercare di andare oltre le parole. Questa comunque è una mia interpretazione criticabilissima. Per quel che poi riguarda la filosofia credo che la cosa più importante sia porsi problemi, farsi domande. Le risposte non sono poi così importanti. La cosa veramente importante è non smettere mai di interrogarsi.
    A presto Ali.

    Mi piace

  11. Ciao Ali, ma che post profondo e quanti commenti interessanti. IL mare senza onde metafora dell’incomunicabilità. E’ difficile il vero ascolto. Significa farlo senza pregiudizi, aspettative, attenti con tutto il nostro essere, ricettivi. Solo così possiamo comprendere il vero sighnificato di ciò che ci viene detto senza alcuna deformazione mentale.
    Un bacione Ali. Alain

    Mi piace

  12. nella comunicazione ci sono parametri fissi da rispettare poichè la stessa vada in porto, emittente, ricevente, canale, codice e ovviamente messaggio. Se la comunicazione diventa difficile , di solito, è perchè non si adotta lo stesso codice ma c’è una scorciatoia: il cuore.bacioni

    Mi piace

  13. La comunicazione è un filo a volte sottile, spesso ingarbugliato, e così delicato che si può spezzare improvvisamente.
    E riannodarlo è un grosso problema.
    Sempre argomenti interessanti su cui potremmo parlare per giorni, qui da te, carissima.
    Buona giornata. Un bacio molto comunicativo 🙂

    Mi piace

  14. Il mare non è mai senza onde…il moto perpetuo è la sua principale caratteristica…così ogni essere umano manda sempre impulsi, messaggi, segnali…ed anche il silenzio, apparente staticità, può essere un urlo, espressione di un interiore mare in tempesta… solo che spesso non ci si ascolta…
    Ciao e un abbraccio fortissimo, Phil

    Mi piace

  15. Ci deve essere in giro il virus “Babele”: mi capita sempre più spesso di incontrare gente che non capisce cosa dico!
    Ciao Ali (che caldo, 10 minuti fa, sulla superstrada che porta a Malpensa c’erano 37°)

    Mi piace

  16. “acqua cà nun se mòve, forma pantano e fète”…un mare senza onde è la morte. E lo è anche uno stagno dove uno butti una pietra…e non si formano i cerchi.
    Per fortuna, però, non esistono mari senza onde, né stagni, per quando stagnanti…dove buttando una pietra non si formani cerchi.
    Buona serata Alidada

    Mi piace

  17. Post interessante. Spero pero’ che sul tuo mare soffi presto una brezza capace di propagare il cerchio di quei sassolini cosi’ belli che sempre tu lanci:))

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...