Dubbi

La mia vicina di casa è una tipa un po’ strana; bassina, magra, ossuta, con i capelli bianchi cortissimi e gli occhi azzurri che ti puntano dritti in faccia mettendoti anche in soggezione. E’ di origini tedesche Ida, ma sono tantissimi anni che vive qui e in qualche modo si è integrata nel paese. E’ singolare quando parla con quella “erre” gutturale che rivela subito la sua provenienza a chi l’ascolta. Ida è vedova da tanto e ha tre figli, ma tutti vivono  fuori paese e lei, dopo aver venduto la casa enorme dove abitava prima, ha comprato 3 stanzine a piano terra nella casa accanto alla mia e, contenta come una Pasqua, di quel miniappartamento ha fatto la sua reggia.

Tutto procedeva a meraviglia fino allo scorso anno, che ad una delle figlie è morto il compagno e lei ha preso armi e bagagli e si è trasferita in casa della mamma. Da quel giorno è successo di tutto. La figlia spesso ubriaca e imbottita di psicofarmaci ha cominciato a litigare con la madre e quel miniappartamento è diventato un inferno.  Noi vicini di casa non sapevamo come comportarci quando arrivavano le ambulanze o i carabinieri, a sedare le liti tra le due donne. Più volte in paese abbiamo cercato di far intervenire i servizi sociali per allontanare la figlia, pensando che prima o poi sarebbe successo l’irreparabile, ma a nulla è valsa quella richiesta, la figlia è rimasta in casa con la madre come se nulla fosse.

Tempo fa quando scendevo in giardino vedevo Ida sempre più magra e sempre più piegata con la schiena. Tutto quanto dimostrava la sua sofferenza. Si capiva anche che pativa la fame perché quella vipera della figlia le prendeva tutti i soldi della pensione per comprarsi gli alcolici e gli psicofarmaci. Più volte le ho dato qualcosa da mangiare, adducendo a qualche scusa che ad esempio avevo troppi pomodori o che avevo un dolce che mi avanzava.   Spesso sentivo Ida tossire di una tosse brutta dovuta alle sigarette e all’enfisema polmonare non curato. Poi il tempo è passato e come si sa, si sta chiusi in casa e ci si perde anche di vista.

Stamani però sono scesa di nuovo in giardino ed approfittando della bella stagione ho steso il bucato ad asciugare e nel mentre ho visto  Anna, la figlia di Ida, che, insieme ad un uomo che presumo sia l’attuale compagno, stava piantando dei bulbi di fiori. Allora ho colto l’occasione  e l’ho salutata e poi le ho chiesto: “Come sta Ida? E’ da tanto che non la vedo” e lei è rimasta in silenzio, ..era spiazzata.. cercava una risposta da darmi. Poi mi fa: “ Sai, è cascata e deve stare a letto…”. e io: “ Davvero? oh..mi dispiace,  non sapevo che Ida fosse cascata, spero non sia niente di grave” e lei: ”Grave.. beh, sì, non deve alzarsi perché ha problemi a delle vertebre…e poi non dà mai retta e fa confondere…” e detto fatto si è rimessa a piantare i bulbi lasciando intendere che la conversazione era ormai chiusa. Al che le ho detto di salutarmela e di farle tanti auguri per una pronta guarigione e me ne sono andata.

Poi sono rientrata e mi sono messa  a pensare che era strano non sentirla più tossire e nemmeno discutere con la figlia e ho cominciato a preoccuparmi, allora all’imbrunire sono scesa di nuovo in giardino per vedere se le luci delle camere fossero state accese. Macché… tutto spento e tutto in silenzio. Allora mi sono messa la giacca e con la scusa di andare comprare il pane, sono uscita nella strada davanti e mi sono messa ad occhieggiare alle finestre della casa di ida. Ho notato che stranamente qualcuno aveva messo tutti i fiori sui davanzali, gli scurini erano socchiusi  e una flebile luce filtrava dai vetri lasciando capire che all’interno c’era qualcuno. Qualcuno non a letto perché nella casa lato strada  c’è il reparto giorno e qualcuno che da tempo non tossiva più e nemmeno litigava di brutto scagliando anche oggetti.

Non so la fine della storia… ma forse ultimamente ho visto troppi film gialli.

Pubblicato da

Alidada

sono qui, nel mio spicchio di cielo

59 pensieri su “Dubbi”

      1. L’ho pensato immediatamente. Ma che si può fare? Denuncia anonima? I carabinieri son capaci di dire alla signora di aver ricevuto una segnalazione dalla vicina di casa. Un bel problema.

        Piace a 1 persona

      2. In effetti la storia mi fa ricordare il noto film “la finestra sul cortile”. In effetti una figlia cosí non promette nulla di buono. Ma i servizi sociali erano ciechi? E non ci son più andati? Io glieli manderei… Nonsi sa mai…

        Piace a 1 persona

    1. oggi mi sembra di aver sentito la figlia che diceva: “Devi venire a farti la doccia!” ..io non credo l’abbia detto al compagno.. oh, se sua madre fa la doccia tanto male non starà

      "Mi piace"

  1. È una situazione triste amara per loro, madre e anche figlia, del compagno preferisco non parlare perchè chiaramente è un meschino-feccia.
    Ed è una situazione imbarazzante fossi al tuo posto. Perchè qualcosa certamente è accaduto o sta accadendo e farsi i fatti propri forse non è giusto.
    E intervenire non sei la Legge nè un’istituzione delegata.
    Forse, ma dico forse, dovresti rivolgerti ai carabinieri ma in via confidenziale, possibilmente sottolineando la delicatezza e la riservatezza del caso. Dipende
    molto, anzi totalmente dalla fortuna di trovare un interlocutore maturo e che non sia lì giusto per tirare lo stipendio, che pare essere una buona regola molto diffusa a cui non c’è categoria che si sottragga 🙂

    Piace a 2 people

    1. Più che ai carabinieri, rivolgersi ai vigili urbani, se se ne ha uno in confidenza è meglio.
      I vigili potrebbero fare un controllo sull’ospite, che avrebbe dovuto essere segnalata quando si è stabilita in quella casa, anche se non ha fatto il cambio di residenza.
      Se la legge non è cambiata in questi ultimi anni, si dovrebbe segnalare al comune che delle persone sono nostre ospiti, soprattutto se si fermano a lungo.

      Piace a 5 people

    2. il tuo commento e quelli di altri amici, mi hanno portato a riflettere e il frutto dei miei pensieri mi ha portato a scrivere il nuovo post. ..Poi ne scriverò anche un altro (di post) dove parlerò dei miei rapporti con un certo brigadiere…

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...