o icchellè

Beh, io ve lo dico, visto che da qui non ci si può muovere, vi farò vedere qualche foto di alcune “cose strane” che incontro nel mio spazio vitale. Tanto per cominciare eccone una…

Dove ho beccato questo oggetto misterioso? Devo dire la verità che l’ho incontrato ieri, (che eravamo ancora arancioni) mentre passeggiavo tranquillamente a non più di un chilometro da casa mia. Io lo trovo spettacolare! Secondo voi (che siete cittadini…) cosa sarà mai? (dimensioni minime 30 cm in altezza)

[foto non ritoccata 🙂 ]

Dai, via, non è poi così difficile…anche se siete cittadini e alla campagna non siete avvezzi 😀

#nonsisapiùchefare

Gialli come il Sole

[Marina di Pisa: la spiaggia, il mare e la Gorgona]

Io penso che sia trascorso più o meno un anno dall’ultima volta che sono stata a Marina di Pisa e oggi non ho resistito. Complice il bel tempo e con il beneplacito del giallo della nostra zona, mi sono avventurata fino alla costa e mi sono goduta un po’ di luce e di benessere dovuto all’aria di mare.

Appoggiata alla balaustra della terrazza sul mare della piazza di Tirrenia, ho guardato la Gorgona sullo sfondo, all’orizzonte e ho incrociato le dita che i giorni a venire segnino tappe sempre più positive e che il peggio sia ormai passato. Insomma, ho sognato ad occhi aperti, come da tempo non facevo più 🙂

Una volta rientrata a casa, però, sono cominciate le telefonate dalla protezione civile e poi i messaggi, sempre della protezione civile, su whatsapp.. eccone uno, (lo copio) dice:

Ora, io mi domando e dico:

1) non c’è nemmeno una nuvola a pagarla oro, come fa a nevicare?

2) se è vero.. ed è vero che durante la nottata non si può uscire perché c’è il coprifuoco, perché ci raccomandano di essere prudenti per via del ghiaccio? (nelle telefonate dicevano anche di prestare attenzione mentre si guida).

Ragazzi, il nostro neo-governatore Giani ci vuole un gran bene e si preoccupa molto per noi, questo è il punto!

…e gli acquisti?

Io non credo che potremo mai sostituire la nostra modalità di fare spesa per negozi con il dilagante shopping online.

Ma vuoi mettere il poter vedere dal vivo i prodotti in vendita, curiosare tra la merce esposta, toccare i materiali, parlare con i commessi, chiacchierare con gli altri acquirenti e prenderci del tempo per noi, comprando senza fretta ciò che più ci piace e che magari desideravamo da tempo rispetto a stare lì, inebetiti, davanti al monitor di un pc a scorrere foto per poi procedere in tutta fretta ad acquistare con un click del mouse.

Io, con questi lockdown ho riscoperto i negozietti di paese e, anche se spendo un pochino di più, ricevo tante più soddisfazioni. Mia figlia intanto ha comprato un prodotto sul sito di Ikea online e oggi lo ha ricevuto uno scatolone a casa, in quello stato…

Toscana a colori

Ebbene sì, ieri la “mia” Toscana era così, tutta gialla!


Ma che avete capito.. non per il covid, era gialla per l’allerta meteo che, a tratti, prevedeva forte vento e piogge torrenziali. Oggi invece la cartina appariva così, come nell’immagine qui sotto: tutta arancione! Ma attenzione, di nuovo non si trattava del covid, ma dell’allerta meteo e le condizioni del tempo intanto avevano subito un peggioramento rispetto a ieri. Diciamo che era iniziato davvero il casino! Bombe d’acqua, raffiche di vento tipo bora..ma con i venti variabili, senza una direzione fissa, anche se per lo più si trattava di scirocco.

Per il covid da una quindicina di giorni siamo messi anche peggio: tutto rosso, …tipo elettroencefalogramma piatto!

In realtà per il covid avremmo un’immagine più colorata, perché ogni provincia della Toscana differisce dalle altre per avere dei numeri di contagi estremamente differenziati, ma nel complesso si tratta del colore rosso sangue! Non c’è scampo!

Comunque sia la situazione in Toscana domani sarà questa qui accanto: pioverà forte e tempo da schifo, però da codice giallo e non più arancione, mentre per il covid saremo in zona arancione e non più rossa, quindi ci si potrà muover un po’ di più, ma con molta prudenza.

Poi però in tutto questo caos, nel pomeriggio ci ha messo le mani Giani (il nostro nuovo Governatore.. per chi ancora non lo conoscesse) e ha detto che se si vuole andare a pescare o a fare funghi e tartufi ci si può allontanare un pochettino di più.. e anche se si vuole andare a farci i capelli da nostro parrucchiere di fiducia.. ma anche per recarci dal nostro meccanico di fiducia, ci lascia un po’ andare e non si arrabbia.. Ecco! Vedremo se ci meritiamo tutta questa fiducia… io penso di no e che domani anche se diluvia la gente uscirà di casa come se non ci fosse un domani. Speriamo in bene!

Intanto già da oggi l’Arno si è messo a crescere e a Pisa non è tutto ‘sto carnevale di Rio… guardate un po’ qui, che ve ne pare?

Sicuramente anche questo è un problema e c’è gente che si fida poco: tanto per fare un esempio, alla libreria Fogola, hanno cominciato a mettere le paratie contro l’eventuale tracimazione dell’Arno, …nonché penserei anche contro la sfiga! Perché ormai si sa, l’anno 2020 è quello che è e ormai si è capito che è iniziato male e continuerà a portarci sciagure fino alla fine!

Oh, io faccio fatica a capirci qualcosa, ma la situazione mi pace poco… io resto in casa!

In “terra straniera”

Ebbene sì, sono tornata da Milano e visto che nel borgo medievale sono tutti ammalati,(compresa mia figlia che aveva la febbrina ed era in attesa di tampone) mi sono fiondata a diritto in “terra straniera” a cercare un rifugio sicuro Covid-free. Ci sono rimasta una settimana e ho goduto di giornate assolate e tranquille in riva al mare. Non ho fatto niente di strano se non qualche passeggiatina davanti a casa, poi però anche la Toscana è diventata zona rossa e ho dovuto per forza rientrare.

Nella “terra straniera” non avevo internet quindi ho taciuto a lungo, ma vi ho portato delle foto e oserei dire che qualcuna è anche bella. Ve le mostrerò 🙂 Ora sono a casa, chiusa in trincea come se fossi in territorio ostile. Quando finirà questo strazio? Io ve lo dico, appena arriva un vaccino, fosse anche uno schifo di vaccino che magari mi proteggerà per 2 giorni, io me lo farò. Intanto mascherine, guanti, disinfettante e coltello tra i denti…siamo in trincea.

P.S. se qualcuno si chiedesse dove si trova questa “terra straniera” dico che è in Toscana e un bell’indizio è nella foto, nella parte in basso a destra. Quel “Pisa merda” è una firma inconfondibile! 😀 . Chi tra i Toscani accoglie un pisano in quel modo?