foto

Tempo di gite

IL CASTELLO
La costruzione dell’imponente fortezza, innalzata a dominio e difesa del primitivo Castro di Fosdinovo (Ms), ebbe inizio nella seconda metà del XII secolo. Il castello oggi si compone di una pianta quadrangolare con quattro torri rotonde orientate, un bastione semicircolare, due cortili interni (uno centrale), camminamenti di ronda sopra i tetti, giardini pensili, loggiati e terrazze.

IL TERRITORIO CIRCOSTANTE
Mare. La costa tirrenica si presenta qui costellata da paesini a picco sul mare che fecero innamorare scrittori come Shelley, Byron, Petrarca e Montale: le Cinque Terre ed il Golfo dei Poeti (Lerici, Porto Venere, Tellaro, Isola della Palmaria).

Alpi Apuane. Meta d’interesse per amanti del trekking, queste montagne offrono percorsi escursionistici per tutti i livelli, rifugi e parchi naturali.

Cave di Carrara. Le cave di marmo più famose (Fantiscritti, Ravaccione e Colonnata) distano trenta minuti di macchina dal castello.

Castelli. La Lunigiana è anche denominata la “terra dei cento castelli”. I principali, partendo da nord, sono il castello del Piagnaro di Pontremoli, il castello di Malgrate, il castello di Castiglione del Terziere, la fortezza della Brunella di Aulla. Passando alla Lunigiana orientale, i due principali castelli sono la Verrucola di Fivizzano, nell’omonimo borgo, ed il castello dell’Aquila di Gragnola, restaurato negli ultimi anni.

IL FANTASMA E LA SUA LEGGENDA
La più famosa leggenda del castello è quella che riguarda la giovane Bianca Maria Aloisia, figlia di Jacopo (Giacomo) Malaspina e Oliva Grimaldi. La bellissima ragazza si era perdutamente innamorata di un giovane stalliere. I genitori, contrari a quell’amore infamante per il blasone dell’intera famiglia, avevano tuttavia minacciato la poveretta di rinchiuderla a pane ed acqua nelle segrete del Castello. La giovane, affatto impaurita da quelle minacce, non aveva desistito dai propri propositi d’amore. Quell’atteggiamento ribelle aveva costretto i genitori a prendere una severa decisione. E fu così che lo stalliere venne allontanato dal paese e la giovane rinchiusa in un convento. Non per questo volle prendere i voti né rinunciare al suo sogno romantico. Fu allora riportata al castello, rinchiusa nelle prigioni e torturata finché non fosse rinsavita. Ciononostante la sua volontà non fu piegata. Solo allora, per evitare occasioni di scandalo, fu murata viva in una cella, insieme ad un cane, simbolo di fedeltà, e ad un cinghiale, emblema della ribellione.
Questa vicenda così violenta e brutale, tuttavia, se pose fine alla vita della giovane fanciulla, sola non bastò a domarne lo spirito che pare aleggiare ancora per le stanze del castello (sono molte le persone che giurano di averla vista!), nelle forme di una ragazza dai lunghi capelli posati sulla schiena.

[foto: @Alidada, notizie dal web]

Buon venerdì a tutti 🙂

 

Toscana bella

Santa Maria1

guardando verso Lucca

Santa Maria2

guardando verso Firenze

Santa Maria3

guardando verso Pisa

Eccola lì la Toscana, con la piana dell’Arno, le colline boscose,  i paesi vecchi con le case a mattoni e i tetti coperti con gli embrici in cotto uno diverso dall’altro perché risistemati dalle abili mani dei muratori chissà quante volte.  Si può vedere un campanile che svetta da un lato,  ma nemmeno più di tanto perché le abitazioni sono arroccate sull’altura a sovrastare anche la chiesa.  E sotto ai piedi, sotto al selciato, si sa che c’è il tufo con le grotte e quell’odore umido e forte caratteristico degli scantinati della zona. In tempo di guerra le grotte di tufo erano un bel nascondiglio per chi voleva salvarsi la vita dagli oppressori e ora, in qualche occasione speciale, trovi chi ti ci accompagna per fartele visitare.  Camminare in questa zona vuol dire arrancare e salire anche scalinate ripide  e poi, dopo poco, riscendere stando attenti a non cadere; è tutto un saliscendi. Niente bici e qui, dove ho scattato le foto,  a Santa Maria a Monte, niente auto. A volte ci si chiede come fanno gli anziani ad andare a casa a piedi e come sia possibile transitare con le ambulanze in caso di necessità di un soccorso, la risposta non ce l’ho, ma quel che so che gli abitanti di questi posti sono molto campanilisti e guai a criticare, si offenderebbero di sicuro.  Non esiste un toscano che non sia orgoglioso della propria terra…e anc’io sono così 😉

W il martedì grasso

Oggi è il  Martedì grasso: è una festa che rappresenta la fine della settimana dei sette giorni grassi (carnevale). Questo periodo durante il quale si festeggia, precede il mercoledì delle ceneri che segna l’inizio della Quaresima.
E allora… BUON MARTEDÌ GRASSO A TUTTI!

Intanto la foto di qualche mascherina simpatica e poi, stasera, frittelline a gogò 😉

 

Compleanno 2017

alidada

Grazie infinite a tutti per gli auguri di compleanno ❤

Quest’anno, per un paio di ore, ho deciso di farmi vedere per quel che sono, …con la frangetta appena fatta 😉 Allo scoccare delle due ore tornerò nell’ombra e resterò un’idea…l’idea di Alidada, nel suo spicchio di cielo. 

Non dimenticate che vi voglio bene ❤

[naturalmente quella donna  che appare ora nell’immagine non sono più io 🙂 ]

a Roma…

Da Firenze in poco più di un’ora con il Frecciarossa siamo a Roma. E’ un po’ come fare un tuffo nel passato, dalla Firenze Rinascimentale si piomba nell’Urbe dell’antichità in un attimo.

 Colosseo (Roma)

Domenica scorsa ho fatto un giro nella “città eterna” e devo dire che, per quel che ho visto, l’ho trovata in forma smagliante…strano che in giro si veda un sacco di gente ma di romani nemmeno l’ombra. Parlano tutti altre lingue, vestono diversamente e nemmeno il colore della pelle è lo stesso…

Forse più che “tuffo nel passato” sarebbe bene cominciare a parlare di “salto nel futuro”. Roma, dal punto di vista sociale, è diventata una città multiculturale …multirazziale… multietnica… ma, ditemi voi, i romani dove son finiti?  Tanto per dire: al posto dei centurioni (abusivi) che facevano bella mostra di sé al Colosseo e alla Fontana di Trevi, ora ci sono i venditori delle aste per farsi i selfie (abusivi)… da questo punto di vista tutto cambia e niente cambia…sì, ma torno a dire…sul serio, ma i romani ‘ndo stanno??? perplesso2