Blog anniversario

WordPress mi ricorda i 9 anni di blog su questa piattaforma e di certo è un periodo consistente, ma se considero il tempo Splinderiano precedente, dovrei festeggiare quasi 20 anni che sono sulla blogosfera. Un bel traguardo che pochi possono dire di aver raggiunto.

I primi 4 anni di post e commenti li ho persi distruggendo i primi lavori, ma quasi tutto il resto (dal 2004 in poi) è negli archivi, qui, nella colonna accanto dove c’è scritto “archivi” e può sempre essere letto. Fu un lavoro immane trasportare tutto il materiale qui quando via via le piattaforme chiudevano. Un trasloco enorme e difficile, speriamo che Worpress non ci molli mai perché oggigiorno non ce la farei più ad emigrare da qualche altra parte. Penso che questa sarà la mia ultima spiaggia.

Comunque sia, auguro una buona serata a tutti voi, amici miei e per una volta, via piaccia o no, vi mostro come sono 🙂

[capita spesso che nelle mie foto io mi ci nasconda, ma non se ne accorge quasi mai nessuno…ultimamente, anche a Milano c’ero io in una fotografia…in un riflesso di una vetrina 🙂 ]

Abbracci virtuali

Ma cheabbraccio carini che siete a starmi sempre così vicini e anche a preoccuparmi per la mia salute. Non avrei mai immaginato che la Blogosfera tornasse  a rivivere in modo così intenso e coinvolgente, dopo la chiusura delle varie piattaforme, tra cui quella Splinderiana.

Sono molto felice di essere in vostra compagnia  ogni giorno e vi voglio ringraziare della vostra assidua presenza.  E’ con il vostri commenti che il mio blog prende vita, altrimenti sarebbe la fine. Io la vedo così.

Oggi sto meglio, diciamo che sono quasi guarita dall’infreddatura di stagione, ma sto ancora a casa, mentre fuori è freddo e piove; ne approfitterò per studiare un po’ di cose circa la dislessia (frequento un corso di formazione online) e poi risistemerò un po’ anche gli archivi del mio blog, che ci sono ancora degli scatoloni da sfare e che sono fermi da secoli, da quanto arrivai da Splinder…figuriamoci un po’ 😦

Buon martedì a tutti, amici miei, sarà un piacere venirvi a trovare e  farvi visita a  “casa vostra” . Infine,… se qualcuno volesse aggiungersi alla lista dei miei amici basta lasci un commento e ricambierò la visita.  3

Aggiornamenti blog

Ho rimesso a posto il mio avatar. Sono intervenuta un po’ a mano e un po’ in digitale e dalla vecchia (annosa) immagine ormai pixelata (si vede che invecchiando le erano venute le rughe)  ne è venuta fuori un’altra, stranamente diversa, meno arcigna e altera… più sorridente,  con un sorriso appena accennato come quello della Gioconda 🙂 Mah, per ora me la tengo così, come quella a destra, e poi si vedrà. E’ che ormai ci sono affezionata a quella donna “stellata” 🙂

Ho risistemato  anche la parte grafica del template del mio blog, studiando e aggiornando le mie conoscenze informatiche; è molto cambiata la piattaforma wordpress rispetto a prima, in meglio. L’HTML ormai può stare in un cassetto, che non serve praticamente più :-). Il template è da tanto che uso questo ma ancora non mi è venuto a noia, quindi resta tale a quale. Feci una gran fatica quando lo cambiai dal bianco al beige… lo studiai meticolosamente e ancora non mi è venuto a noia, lo trovo rilassante, quindi perché cambiarlo?

Mi resta da aggiustare il contatore degli accessi Shinystat ma credo che quel problema lì sia insolubile. In pratica ho notato che il mio blog ha sempre ricevuto un numero minimo di accessi (circa una quarantina al giorno) anche se io non pubblicavo niente da mesi, erano visite di gente proveniente non solo dall’Italia, ma da tutto il mondo, attraverso i motori di ricerca, e Shinystat mi diceva anche cosa stessero cercando. Gli articoli più gettonati riguardavano il “color ottanio“, il “metodo Gordon” sui genitori efficaci e il “facciatone” di Siena, oltre alla “parabola dei sei ciechi e l’elefante“. Ora Shinystat non mi fa più vedere le chiavi di ricerca quindi non so più chi arriva cosa stia cercando. Di certo non cambia nulla e non mi cambia la vita il fatto che io lo sappia o no, è solo una curiosità 🙂 e io son curiosa di “cose strane”.

Adesso, per essere completamente a posto,  mi restano da aggiustare i link, molti dei quali ormai portano a blog chiusi e non più funzionanti. Ieri sera, mentre ci lavoravo, ho avuto dei momenti di grande tristezza tornando da 3 amiche  e 1 amico che ormai sono volati altrove lasciando lì le loro pagine amorevolmente scritte, piene dei loro pensieri… e con sotto innumerevoli commenti di chi va ancora a trovarli portando loro un sorriso e una parola di saluto.  Quanti ricordi… Ma la vita è così e si deve andare avanti e sempre di corsa, senza voltarsi troppo indietro. Guardiamo al futuro: domani a scuola 😦  😦  😦

… ma a questo ci penserò domani, come disse Rossella O’Hara in “Via col vento”.

Avere un blog…

CatturaTrovo che il mondo blog (alias Blogosfera 🙂 ) ultimamente sia molto cambiato. Lungi da me fare un excursus da quando iniziai la mia vita da blogger nel lontanissimo 2001 perché sarebbe una serie interminabile di chiacchiere che non portano a niente se non ad annoiarci. No, … mi riferisco a periodi più recenti, quando sono dovuta fuggire da Splinder ed approdare (a fatica) nel mondo sconosciuto di WordPress. Quell’esodo forzato coincise anche con “l’esplosione” di Facebook e così, molti blogger preferirono mollare tutto e andare a vivere nel mordi e fuggi della comunicazione, ovvero nel famigerato “Faccia-libro” come tanti lo chiamano. Restammo come naufraghi e brancolare in una piattaforma  che all’inizio non ne voleva sapere di accettarci e faceva bizze e così, dopo un po’ di tempo, io sentii il silenzio della solitudine. E’ devastante passare da avere un blog sempre pieno di gente che legge e commenta a ritrovarsi a scrivere e quasi nessuno legge e lascia due parole nei commenti. Ricordo che la sera giravo in cerca degli amici e non facevo altro che trovare blog chiusi … inseguivo link che non portavano più da nessuna parte…e alla fine mi stancai di scrivere e mi zittii. Ne è passato del tempo prima che riprendessi a far vivere il mio spicchio di cielo. Già… forse ve ne siete accorti,  io o ci sono e scrivo oppure non ci sono affatto e sparisco, non riesco a fare diversamente. Non concepisco la “capatina” nel blog per poi tornare a tacere. Il blog o si vive o si molla.

Tornando al discorso iniziale, devo dire che tra le novità di WordPress mi piace tantissimo quel rettangolino arancione che si illumina in alto a destra e che mi dice se qualcuno ha commentato o messo un “like” ..e mi indica dove andare a rintracciare gli amici che comunicano con me. E’ un aiuto fantastico. E poi anche la modalità “lettore” che porta a rintracciare i nuovi post, senza che io perda un sacco di tempo a cercare chi ha aggiornato il proprio blog.  Infine devo dire che sono meravigliata di quanta vita ci sia ora nella blogosfera: un sacco di bella gente nuova, che sto conoscendo. Probabilmente Facebook è stato un fuoco di paglia e ora c’è un ritorno al gusto di scrivere e di leggere, con calma e riflessione. Mi piace tutto ciò e mi sprona a continuare questa esperienza, che intraprendo con nuovo entusiasmo. Intanto desidero ringraziarvi di questa bella accoglienza che mi avete riservato, ..sono rpoprio contenta. Grazie.

…un gruppo? Quale?

Sto ritrovando i vecchi amici di blog, pochi a dire il vero, perché se ne sono andati quasi tutti e, al tempo stesso, sto cercando di trovare una nuova compagnia di viaggio. La blogosfera mi appare un po’ strana… mi verrebbe da dire “rarefatta” ma con dei bei gruppi di persone che interloquiscono tra loro a meraviglia. Comunque sia faccio un po’ fatica ad orientarmi, quindi per piacere siate pazienti con me che può anche essere che combini qualche pasticcio o abbia delle disattenzioni grossolane.

Ho risistemato il template e l’ho un po’ agghindato, approfittando anche del fatto che ho del tempo a disposizione perché sono a casa ammalata, spero che la mia pagina sia ora di vostro gradimento 🙂 Ho anche messo un piccolo lettore musicale, che si può attivare a comando.

Alla lista degli amici ho aggiunto qualcuno, ma mi farebbe molto piacere che vi proponeste per essere aggiunti, in modo tale che possiamo frequentarci agevolmente. Il blog non vive se non comunichiamo..e io che ne sono stata lontana per più di un anno lo so bene.

Non ho ancora ben chiaro come funziona quel tasto “lettore” che è in cima al monitor sulla sinistra, ma penso che con il tempo il suo funzionamento mi sarà più chiaro… e non mi ricordo qualche altra cosetta come ad esempio cambiare colore e dimensione al testo, ma da qualche parte ho i miei archivi e quando ho voglia li ricerco e risolverò il dubbio.

Bene, vi regalo una piccola foto e vi auguro buona domenica… non dimenticatevi la mia richiesta di suggerirmi chi vuole essere iscritto tra gli amici, ok 😉

[nella mia foto il nuovo porto di Marina di Pisa al tramonto]

a volte ritornano

E’ strano, ritorno al blog dopo più di un anno di assenza ed è come se non mi fossi mai allontanata, nemmeno un  attimo. Eppure ero convinta che sarebbe stato difficile rientrare al punto che forse pensavo che nemmeno ci sarei riuscita.

Tanto per cominciare ho fatto un giro tra le “vecchie” amicizie della blogosfera e ho visto che nessuno si è dimenticato di me e poi, come se non bastasse, nemmeno sono stata depennata dalle liste dei contatti. Un’altra stranezza è che per tutto il periodo della mia assenza ha continuato ad esserci un discreto viavai sul mio blog al punto che il Rank indicato dal contatore Shinystat non è mai sceso sotto a 8, come dire che la gente ha continuato a passare in silenzio, leggendo le mie cose e guardando i miei colori… 😉  Questa sensazione del “tempo/non tempo” non immaginate quanto mi fa stare bene! Continuo a ripetermi che sono stata una sciocca a stare lontana da così tanto benessere. Qualcuno mi dice di Facebook, ma non ero lì, o meglio, non ero di certo lì a scrivere i miei pensieri. Il “mordi e fuggi della rete” non mi è mai stato congeniale, no, il silenzio lo sentivo dentro e non riuscivo più a comunicare i miei pensieri. E’ vero, quell’aggettivo “ondivaga” mi si confà 🙂 Sono un po’ come l’alta marea e quei mari… e quei fari che qualcuno ricorderà colorare i template dei miei primi blog splinderiani, non erano scelte grafiche fatte a caso. Beh, grazie amici miei, mi piacciono molto anche le novità tecnologiche che ho scoperto in queste ore: leggere in modo agevole le novità degli altri blog; rispondere ai commenti in modo individuale; mettere i “like”.. trovo che tutto ciò ci avvicini ancora di più. Ho un sacco di cose da raccontarvi e da farvi vedere… vedrete che vi stupirò …o almeno, ci spero 😉 Un abbraccio a tutti…. Alidada

ritorno all’innocenza

Una decina di anni fa entrai nel magico mondo di Splinder e quindi nella blogosfera. A quel tempo  per inserire un post e per modificare un template si doveva lavorare in HTML e tutto era alquanto complicato! Si passava più tempo a studiare la tecnologia che a scrivere dei pensieri. Inserire le immagini era quasi impossibile e appena un blogger imparava qualcosa di nuovo lo insegnava agli altri 🙂 La rete in questo senso era davvero molto socializzante. Uno dei traguardi più grossi fu quando io imparai ad inserire la musica in sottofondo. Nulla di particolarmente bello… dei file “midi” leggerissimi perchè a quel tempo la connessione era quel che era ed era impensabile scaricare un MP3 in tempi relativamente brevi.  Ricordo che mi divertivo un sacco ad accompagnare i colori forti degli sfondi del mio blog con la musica degli Enigma. “Return to innocence” era una delle  colonne sonore che io prediligevo. Stasera girovagando su internet, su Youtube  ho ritrovato il video di quella canzone e ho pensato di farvelo vedere: è molto particolare sia come musica che come immagini, ma se avete un attimo di pazienza e lo guardate fino alla fine, penso che un po’ vi emozionerete. Il ritorno all’innocenza è come un riavvolgere in nastro della nostra  vita, per ritrovare noi stessi …

Il testo e la traduzione sono qui

Buonanotte a tutti 🙂

si riparte

Domattina si ricomincia. Fine delle ferie, si torna a scuola. Inutile chiedersi quest’anno come sarà perché la risposta è certa: sarà dura!
Io spero di fare del mio meglio per aiutare i bimbi a crescere e di avere quella dose infinita di pazienza indispensabile per vivere abbastanza serenamente in mezzo ad un esercito di adolescenti turbolenti e spesso pieni di problemi.
Incrocio le dita che tutto vada bene e che nessuno si faccia mai del male, quella è la cosa più importante. Voi penserete che io ora stia scherzando, ma non è così, non scherzo affatto! Provate ad immaginare le classi di 30 alunni di 13 anni durante un cambio dell’ora e le insegnanti non più giovanissime che arrancano di corsa per i corridoi della scuola per passare velocemente da una classe all’altra! 😦
Beh, oltre a questo io faccio il buon proposito di non trascurare il blog e di trovare il tempo da dedicare agli amici; ma anche gli anni scorsi lo avevo detto e poi, invece, alla fine ero arrivata al punto di mollare. Come si fa a conciliare la scuola, con i compiti da correggere, le riunioni che occupano pomeriggi interi e stanchezza da non farti desiderare altro che una buona dormita, con il mondo della blogosfera, dove se si è lontani dal blog si è lontani dal cuore?
Mah, non resta che augurare buon inizio dell’anno scolastico a tutti, me compresa 🙂 … per il resto, si vedrà.