Alfiererosso

Poi, una mattina, per caso, ti viene in mente lui, quell’amico virtuale con cui hai passato insieme tanto tempo, leggendo le sue cose e guardando i suoi colori sul tuo schermo.  Anni e anni, da quel lontano 2003 in cui per la prima volta capitasti nel suo blog. Fiumi di parole,..di poesie.. di immagini .. di noi..

E così, una mattina di domenica, per caso, ti chiedi da quanto non lo vedi in giro e fai mente locale mentre traffichi in cucina sistemando le tue cose. No, ti dici, è vero,… da tanto non appare su flickr e da quando splinder è stato eliminato, nel blog non scriveva più.. ma su facebook lasciava sempre una traccia..e allora, come mai non c’è? E ti preoccupi un po’ e poi corri a vedere per scoprire che da quella porta aperta che aveva disegnato tempo fa, lui se n’è proprio andato. Il suo sguardo dolce e ironico è rimasto impresso da un lato, ma lui non c’è più…

Triste evento e questo tu nemmeno lo sapevi.  Ti metti a pensare quanto è strana l’amicizia tecnologica, nel senso che lui fosse stato qui io l’avrei saputo e sarei andata almeno a fargli una visita …

Ciao grande e caro Alfiererosso! Ciao Ennio, ti terrò per sempre nel mio cuore.

F03

Addio Sebastiano.

Se n’è andato Sebastiano, il nonno del blog. Sono molto triste e mi rammarico di aver saputo con un po’ di ritardo la notizia. Sono anni che ci conoscevamo e ci frequentavamo virtualmente. Lui, 92 anni e una grinta da ventenne, amava viaggiare, la musica, la comunicazione, la conoscenza e soprattutto la matematica di cui  quasi ogni giorni forniva degli spunti interessanti sul suo blog.(http://wlamatematica.splinder.com/)

Io spesso lo seguivo anche in altri siti, al di là di splinder e spesso mi meravigliavo della sua cultura, la memoria e della sua prontezza di spirito, doti rare soprattutto a quell’età.

Sapevo che da qualche tempo aveva dei problemi di salute e ogni volta che aprivo il suo blog speravo sempre di trovarlo in forma..

Ma stasera non è stato così e ho letto il triste annuncio..
Dedico queste poche righe al suo caro ricordo e mando un abbraccio alla sua adorata moglie e alla figlia.

Qui nel mondo vituale sembra di essere tutti invulnerabili e si stenta a concepire l’amicizia vera..e invece….

Gingy

Se n’è andata Gingy , l’amica dei tempi belli del blog, di quando eravamo pochi e condividevamo ogni sera i nostri pensieri. La sua ironia (come dimostrava anche il nome del suo blog), l’arguzia e la sua saggezza erano uniche.

Quante risate e quanti racconti dalla sua cara terra adottiva di Israele..  se n’è andata troppo presto..

Ciao Gingy, resterai sempre nei miie ricordi più cari..