Pensierino della notte.

Fu in quell’anno della pandemia, più precisamente nel 2021 che la pianta di pomodoro nacque spontaneamente nel vaso delle piccole begonie di Alidada.

Le begonie colorate e minutine erano infastidite da quella piantona che cresceva ogni giorno di più e la prendevano a spintoni per buttarla fuori dal vaso, ma lei, dal canto suo, resisteva e sembrava proprio che si trovasse a suo agio in quell’ambiente concimato e irrorato di acqua fresca tutte le sere. Piano piano trovarono un accordo perché il vaso era tanto grande che nulla vietava di soprassedere ai litigi e si poteva convivere serenamente almeno lì, in un posto che non era inospitale come un deserto e nemmeno freddo e scuro come un sottobosco. Era un posto piacevole dove stare bene.

E fu così che loro smisero di litigare e capirono che andando d’accordo ne avrebbero guadagnato tutte e due e non ci sarebbero stati rami secchi da eliminare.

Già, perché l’integrazione, la condivisione, la sopportazione, la mediazione e il rispetto reciproco piano piano vanno sempre riguadagnati e riconquistati. .

Ma ce la possiamo fare, … se si vuole.

Ai miei amici virtuali ❤

Pubblicato da

Alidada

sono qui, nel mio spicchio di cielo

36 pensieri su “Pensierino della notte.”

    1. Il solito individualista! Non consideri le begonie 🤨🧐 Dove sta l’integrazione, la condivisione, la sopportazione… e tutto il resto? Dai, … 💪🏻💪🏻💪🏻

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...