Hair fashion

Da una parte tante cose si sono semplificate col tempo. Vuoi mettere lavare i panni con le moderne lavatrici rispetto a quando il grosso del lavoro veniva fatto a mano? O del Bimby ne vogliamo parlare? Altro che mettersi lì a  tritare verdure con il coltello, fare i soffritti e cuocere sughi per ore,  ora inserisci tutti gli ingredienti dentro a quella macchinetta e il gioco è fatto. O quando si prendeva la bici e si andava in biblioteca a sfogliare enciclopedie per fare le ricerche? Ora c’è il professor Google e tempo zero ti trova tutte le informazioni che vuoi.

Ecco, appunto, in tante cose il mondo è migliorato, ma per certi aspetti è diventato molto complicato.  Ieri volevo andare dal parrucchiere per una banalissima messa in piega e volevo farmi fare anche due “colpi di sole” (come si diceva prima) per ravvivare un po’ il mio aspetto (ora si dice look). Fatto sta che il parrucchiere di paese ora prende gli appuntamenti via Facebook … e questa cosa potrebbe anche essere una genialata così non molla la cliente al lavateste e ogni tre per due corre al telefono per rispondere alle clienti che lo chiamano… Sì, ma intanto per prenotare su facebook devi rintracciarlo e non lo fai digitando il suo nome e cognome perché lui ora non si fa più chiamare “parrucchiere Sergio Rossi” ma Hair Stylist e il suo negozio ora ha questo logo (che ti devi ricordare)

parrucchiere

Ma non finisce qui: per prenotare devi cliccare su un menu a tendina e ti si apre una lista  di servizi che è questa:

parrucchiere22

Beh, .. cosa scelgo?  perplesso1 Ogni volta finisce che ne metto uno a caso 49 che ne so cos’è quella roba lì! Ma come si fa… è troppo complicato per me

Superata questa prima fase di disagio poi arrivo lì al negozio, mi accomodo nella confort zone, prendo un immancabile e demenziale giornalino di gossip, aspetto che il mio painting sia pronto ascoltando un po’ di relaxing music in sottofondo, .. alla fine all’Hair Stylist  (che mi presenta una lista di cose da pagare con dei nomi incomprensibili) gli mollo un’ottantina di euro e il gioco è fatto. Il gioco di chi? (mi chiedo!)

Alla fine non so se è più rilassante o più stressante, …ma il risultato è carino, dai  scherza