Lieve

leggero

Ieri sera ho fatto un giro nei blog e mi sono fermata da Marirò a leggere i suoi tautogrammi sui nomi degli amici blogger; visto che io non ero stata nominata (perché lo scorso anno non c’ero in quanto il mio blog era off)  le ho chiesto di fare il gioco anche con me, usando il mio nome…e il risultato lo vedete qui sotto, nello screenshot  che ho inserito:

lieve

Ora, …dico io,… che io sia stata “latitante” nessuno lo può negare…son mancata dalla blogosfera a più riprese,  per un paio di annetti tondi tondi… e nemmeno che io sia “leale” nessuno può dire il contrario, perché lo sono dalla punta dei piedi fino in cima ai miei capelli e Marirò che mi conosce da anni ormai lo sa e la cosa mi conforta assai 🙂 Il termine però che io voglio mettere in evidenza e che mi lusinga oltremisura è “lieve“…ecco, vorrei spenderci qualche parola su questo aggettivo..che io adoro e che mi lusinga tantissimo 🙂

liève   [lat. lĕvis]  È in genere sinononimo di leggero, è indica qualcosa che, più che esser leggera in sé, faccia sentir poco il suo peso…

Lieve è un sussurro,… lieve è una carezza,… lieve è un alito di vento,… lieve è una farfalla. Chi è lieve, con la sua presenza non ingombra e non impera, ma tutti intorno a lui si accorgono lo stesso che c’è. E’ la leggerezza dell’essere ciò che caratterizza  l’animo lieve ed è una dote che è scritta nel dna; nessun corso di formazione può insegnarti niente del genere. Io apprezzo questa virtù anche perché la contrappongo alla pesantezza di alcune persone che  conosco e che mi vivono intorno… anche se sono esili nel fisico sono però pesanti come macigni,… stancanti,.. ingombranti e a volte ottuse.

E con questo ho detto tutto… o quasi 😉

Cara Marirò, miglior complimento non mi potevi fare …davvero ❤ Grazie!