Eccoli là

gianni

Eccoli là, vi parlo spesso di loro, dei grandi piccoli uomini con cui passo le mie mattinate. Sono loro, Gianni  i suoi compagni. Ragazzi con il ciuffo come va di moda ora, con le scarpe da ginnastica firmate o taroccate, chissà… e i pantaloni a vita bassa che bisogna stare sempre lì a dirgli di tirarli su per non rimanere in mutande. Scoordinati, chiassoni, esuberanti e a tratti irriverenti… foruncolosi come si addice ad ogni adolescente che si rispetti. 🙂 Piangono di nulla e ridono di nulla, mangiano tutto ciò che gli capita a tiro, dalle gomme alle focaccine, alle cioccolate e perfino i tappini delle penne. Loro…i primi amoretti con le bimbe e i primi conflitti con i genitori perché si sentono grandi. Loro che ti chiamano “prof” ogni 3 secondi e mezzo. Loro che appena manchi un’ora ti chiedono come mai e poi aggiungono tutti afflitti che hanno sentito la tua mancanza anche se lì per lì hanno esultato quando hanno saputo che mancavi esclamando “URRA’!” 🙂 Ma non sono cattivi, lo fanno perché ti vogliono bene..e hanno la coerenza che contraddistingue un tredicenne che vede il mondo tutto complicato, a volte facilissimo e a volte difficile da morire.  Che vuoi farci… è così… e la prof vuole loro un bene grande…e questo è tutto ❤

Annunci

36 comments

      1. Non c’è problema, Ali cara.
        Mi è piaciuto tanto ciò che ho visto e… lo ricordo in me. 🙂 🙂

        Adesso “e questo è tutto <3"
        E questo è bello bello perché è vero quello che scrivi e lo fai con affetto grande e competenza.
        I "tuoi grandi piccoli uomini"… vogliono bene a te come tu a loro.
        Che bel post, Ali cara!
        Buona notte dolce
        gb

        Mi piace

  1. Si sente che lavorate assieme, state assieme, crescete assieme. I tuoi allievi sono fortunati per la tua capacità di accoglierli. Ho insegnato un paio d’anni e ho imparato molto, e lo risento con te. Buona giornata, c’è il sole 😊

    Liked by 1 persona

    1. Sì, Will, a stare con allievi così giovani siamo costretti a rimanere giovani 🙂 In casa mia si stupiscono sempre dei vocaboli che uso.. tu pensa che due giorni fa, sorseggiavo una birra e mia figlia mi ha chiesto se mi piaceva, io le ho risposto: “slurp!” e lei ha riso, dicendo: “Ma come parli?” 🙂 Beh, buona giornata a te, anche qui c’è il sole, è freschino e l’aria è tersa… io ho il giorno libero e sarà uno spasso stare qui in casa a fare i lavoretti 😉

      Mi piace

        1. lavatrici a gogò.. stirare.. correggere compiti… ricucire delle cose ferme lì da tempo.. guardare il blog 🙂 ..e tra un po’ farò da baby sitter alla nipotina che arriva alle 12 e sta tutto il pomeriggio fino a notte… ah, dimenticavo, devo anche leggere un pacchetto di posta, tra cui delle bollette che mi hanno rispedito e non so perchè.. insomma una giornatina niente male 😉

          Liked by 1 persona

  2. forse sono ancora troppo giovani. crescendo cambieranno sicuramente atteggiamento verso la scuola. per molto la scuola è un nemico da combattere. bisognerebbe che a scuola si insegni a studiare e non a somministrare nozioni che lasciano il tempo che trovano. Inssomma la scuola deve servire a insegnare a studiare non a imparare sic et simpliciter

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...