Lo strazio della spesa

Odio il frigorifero troppo pieno. Non tollero quando si deve giocare a tetris per gestire lo spazio nei vari ripiani: ciottolini su ciottolini, uova, yogurt, il solito enorme cesto d’insalata che occupa spazio quanto un tir, una ciotola con della frutta che appena ti azzardi a toglierla dal frigo marcisce, qualche vaso di vetro con la marmellata e un altro con delle acciughe. E poi il burro, il formaggio con la grattugia, il  cartoccio con il succo di frutta e poi il latte, il vassoio con la carne…e chi più ne ha più ne metta!  Sarebbe compito della brava massaia stare lì ogni giorno a rufolare per controllare le scadenze e i cibi che rischiano di diventare troppo vecchi, ma per chi lavora e va di fretta il compito è arduo.

Comunque sia, se è vero che odio il frigorifero troppo pieno, mi dà ancora più fastidio dover buttare via qualcosa. Prendere un cibo e gettarlo perché ormai non è più commestibile, è segno di stupidità perché prima hai speso soldi per comprarlo e poi lo hai dimenticato lì a marcire come se la cosa non ti riguardasse più. Mi dico; “Allora sono tonta!” e brontolo me stessa flagellandomi la schiena. Ma non è facile gestire questa cosa del frigorifero e della dispensa, quindi ho imparato a fare il riciclaggio dei cibi che non ne possono più, come la torta di pane secco che tra l’altro è ottima (trovate il link della ricetta qui a destra) o il lesso rifatto in fricassera, oppure le polpette con il lesso, insomma tutti cibi saporitissimi che hanno il grosso vantaggio che non ti fanno buttare via niente.

Detto questo. per il mio bene e per quello della mia schiena io vorrei evitare di comprare troppe cose tutte insieme per poi stipare il frigorifero; quindi il sabato, quando vado a fare spesa, vorrei limitarmi a comprare due-cose-due.  Andrei tanto volentieri da sola al supermercato così farei come mi pare, ma puntualmente quando parto, c’è sempre qualcuno della famiglia che si aggrega. Oggi per esempio è voluta venire con me mia figlia: “Ok, se vuoi venire con me andiamo pure, ma guarda che compreremo solo DUE-COSE-DUE! Capito?… non tre-cose-tre, ma solo due-cose-due! Che nel mio linguaggio vuol dire due di numero!

E così finisce che tutti i sabati, come potete vedere,  compriamo due-cose-due ….

spesa

al passo coi tempitristezza… [tutta roba scelta da lei, come se non ci fosse un domani]

Annunci

36 comments

  1. La frugalitá di questi tempi è utopia. Speriamo non diventi necessità!!! E stiamo sereni. Pensa che l’anno scorso, giusto come ora, riordinando la dispensa, ho scoperto di aver comperato (probabilmente in offerta a varie riprese) la bellezza di 19 vasetti di marmellata…

    Liked by 1 persona

  2. Ahahah….tutto mondo è paese!!! Sono arrivati i francesi pensando di ficcarmi in frigo pomodori raccolti a Modena, del burro, del pollo ruspante cucinato con spezie indicibili dalla suocera cinese e un serie incredibile di altei cibi…
    Il mio frigo era stipatissimo per il loro arrivo, per cui nada.
    Avevano un frigo portatile e li ho riforniti di ghiaccioli refrigeratori….:-)

    Comunque la spesa esagerata è il mio sport, purtroppo!!!

    Liked by 1 persona

  3. …la situazione del tuo frigo e della tua schiena è la stessa del mio frigo e della mia schiene…l’insalata che occupa il posto di un tir…ahhahhahha troppo carina questa!…ho deciso…quando ho bisogno di ridere vengo da te!

    Liked by 1 persona

  4. Ciao Alidada, ti saluto in questo tuo simpatico post. Sono contento che abbia visto anche l’altro blog, quello a cui tengo di piu’, e che non si apre subito (wordpress all’atto di registrarmi mi fece fare un pasticcio che non ti dico, fra “errore…”, “nome gia’ in uso”..”riprova”…usai anche il pc di un amico .e cosi’ mi trovai con due blog.. 🙂 )

    Lo strazio della spesa. Non dirmelo, ché noi uomini siamo drolli in casa; se da soli ancor peggio..(mmmhhh)
    Come sai meglio di me manca sempre qualcosa, ed ecco che la spesa del sabato non basta, e devo andarci spesso. Quando torno dal lavoro la prima cosa e’ ..guardare il frigorifero, e la credenza in cucina. E non e’ raro esclamare “scarèsciu!”- in sardo, “dimenticato”- la tal cosa- e magari se non e’ ancora chiuso, andarci di nuovo. Ciao 🙂

    Marghian

    Liked by 1 persona

    1. eia Marghian 🙂 Comunque sia io i tuoi due blog li ho aperti facilmente e li ho gustati entrambi 🙂 Sono contenta di averti incontrato 🙂 Grazie e….fatti un bigliettino per la spesa 😉

      Mi piace

      1. ( col bigliettino ti accorci che..ti sei scordato di scrivere qualcosa, e siamo daccapo 🙂 )
        Ciao Alidada, immaginavo una tua -graditissima-risposta qui. Col cell non mi e’ facile commentare.
        Ciao 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...