Io non capisco

charlie-hebdo-Italia

Io davvero non capisco. Quando mi sono trovata davanti questa vignetta mi sono fermata per comprendere, sicura che ci fosse una spiegazione plausibile a quel disegno, ma la spiegazione sembra che  non esista proprio.

Dice che è “satira”, qualcuno dice che è il loro lavoro e che è come il Vernacoliere; io però dico che c’è tanta differenza tra vignette scritte in livornese come questa:

Vernacoliere

e l’immagine su in alto.

Quella del Vernacoliere mi fa ridere, l’altra, quella di Charlie Hebdo mi indigna e nemmeno poco; mi indispettisce. Ma si può ironizzare su un disastro come quello che ha colpito il centro Italia? E poi, hanno anche rincarato la dose, dandoci dei mafiosi.  Io non vorrei cadere nella provocazione, ma mi verrebbe fatto di pensare a quando abbiamo riempito il web di immagini come questa:

Marianne

Siamo stati tutti solidali con il loro dolore. Il web e tutti i mezzi di comunicazione si sono colorati a tinte blu, bianco e rosso e con le scritte: “Je suis Charlie”. Volevamo partecipare al loro dolore e ribadire che deve esserci libertà di espressione… ma questo tipo di espressione non va bene!

C’è qualcuno che per piacere mi spiega questa “benedetta” comunicazione dei francesi?

Intanto io continuo a ripensare a quando sono stata in America alla fine del 2014 e alle parole dei miei amici americani: mi dicevano che tutti gli europei vanno bene eccetto i francesi… e io mi chiedevo che diamine faranno mai di male i francesi per essere odiati in questo modo… pensieroso

Mah…

 

[immagini prese dal web]