pensieri d’agosto

Avere un blog non deve essere un problema, deve essere un piacere. Non dobbiamo andare a cercare argomenti di cui parlare, si deve solo imparare a lasciarsi andare, lasciando fluire i nostri pensieri direttamente alle dita che li trasmettono alla tastiera. Se ci si mette a pensare al cosa dire e ai congiuntivi e alla punteggiatura è finita… non si va avanti. Basta raccontare delle piccole cose che fanno parte della nostra vita e in men che non si dica si troverà un sacco di gente pronta a chiacchierare insieme. Voglio dire che non si impara ad essere blogger ma l’unico prerequisito davvero indispensabile è la voglia di comunicare, nulla di più. Ed è proprio quella che per un certo tempo mi ha tenuto lontana: la voglia di comunicare. Brutta storia vero? Si era mai sentito dire che Alidada preferisce il silenzio al magico mondo della Blogosfera? Beh, l’importante è che la voglia di comunicare poi torni, ma è anche vero che quando si ricomincia si è ..come dire.. un po’ arrugginiti e non è semplice riattaccare a discorrere come si faceva prima. Quindi abbiate pazienza..
Cominciamo da un argomento facile: il tempo 🙂
Qui in Toscana si sta benino, ogni giorno c’è un bel venticello di mare che muove le frasche e che ci fa respirare piacevolmente. E poi c’è quella calma silenziosa e quieta di quando tanta gente è andata a fare fracasso altrove. Adoro stare così, a passeggiare nel mio giardino a curare i fiori e a dedicare tempo ai miei hobby… Vorrei che il tempo si fermasse ad oggi …vorrei che fosse sempre così

Annunci

16 comments

  1. Sono d’accordo con la tua analisi su blog, sue ‘finalità’, voglia di scrivere ecc.
    Anch’io ho avuto dei periodi di ‘stanca’ con conseguente allontanamento dall’appuntamento con queste pagine. A volte si è presi dalla paura di essere banali, per cui si preferisce tacere. Poi ricevi un messaggio da una tua lettrice di vecchia data che ti ‘richiama all’ordine’ perché ha il piacere di leggerti e allora riprendi…

    Riguardo al tempo, argomento quanto mai popolare, qui è appena finito un temporale di quelli doc, tempestoso e ‘abbondante’, (ne stanno testé parlando al tg locale) che mi ha rovesciato il grande vaso con la ventennale pianta di ibisco sul balcone…
    Il positivo è che ha rinfrescato la temperatura…
    Buona serata!

    Mi piace

  2. Esatto il blog non deve diventare un’ossessione, quando non si è ispirati e mancano le idee è sufficiente attendere il tempo necessario affinché torni l’ispirazione e la voglia di comunicare.
    Dopotutto anche se stiamo qualche settimana senza scrivere non andiamo incontro a nessuna sanzione.
    Ovvio però che se il periodo di stallo dura mesi e mesi allora forse l’idea di avere un blog va un po’ rivista. 🙂

    Un saluto

    Mi piace

  3. heheheh scusami ma per un’attimo mi e’ sembrato ritornare indietro nel tempo avevo scritto un lunghissimo commento a riguardo dei blog sull’essere bloggers mentre mi domandavo se il commento non fosse cosi’ lungo si e’ chiuso il pc
    proprio come succedeva 10 anni fa in splinder

    Mi piace

  4. il blog e’ comunicazione .
    a volte se ne ha tanta voglia
    a volte tanto bisogno
    altre si ha paura di comunicare quel troppo che puo’ farci ancora piu’ male
    a volte ci si stanca proprio di comunicare a volte la vita prende il sopravvento
    e se anche se ne ha voglia bisogno e il piacere non se ne ha il tempo 🙂
    ora che sono a trieste tra i nipoti i figli i fratelli la palestra e il mare
    per me e’ più complicato trovare tempo necessario a mettere insieme un post
    che non sia la mera telecronaca del quotidiano perché se si fa un post con un tema
    si deve anche avere il tempo per seguirne l’evoluzione della discussione che si svolge
    nei commenti ,

    Mi piace

  5. sto bene, mi sono definitivamente ritrasferita a trieste
    e sono immersa e sommersa da persone e ne sono felice
    mi sono anche fermata dal lavoro .
    qundi ora sono full-nonnasitter e non solo di un solo attila
    che seguendomi son diventati 4 e da nonna saprai che e’ una bella battaglia
    ma sono la mia vita e sono contenta di battagliare con loro

    Mi piace

  6. Da nove giorni sono senza tetefono, senza rete, senza pc, va bene facciamo otto toglindo oggi, non si sta poi cosi male 🙂 mi attendono altri giorni di silenzio (oggi ho un i pod in prestito)

    Mi piace

  7. Penso che la cura del blog vada di pari passo con le regole del congiuntivo et similia(ma poi tu scrivi bene, quindi di che ti lamenti?). Conta, invece, non diventare “vittime” dei lettori/blogger, ossia scrivere quello che piace a loro. Uno scrive quello che gli va. 🙂
    Sai quanti blogger non commentano più da me? Dall’entusiasmo al silenzio. Certe cose proprio non le capisco. O probabilmente scrivo cag… Ma io vado avanti.
    Da me caldo sopportabile e nuvole all’orizzonte.
    Buon w-end!

    Mi piace

    1. la gente è strana Mel… io potrei scriverci un’enciclopedia sulla mia lunghissima esperienza di blogger … e sul comportamento della gente che gravita in rete. Che delusioni…

      Mi piace

  8. Intanto bentornata 🙂
    E spero che stavolta resti anche se sta per iniziare il lavoro.
    Il blog deve essere un piacere, come ben dici. Che è anche un impegno lo sappiamo perchè un blog chiede attenzione abbastanza costante e non solo su ciò e su come si scrive, ma anche nei suoi sviluppi e nei contorni. L’ispirazione viene quando vuole lei e i periodi di stanca colpiscono un po’ tutti. Io non sono ancora uscita del tutto dalla mia “stanca”.
    Ma questo sa anche essere un bel mondo: interessante, arricchente, gradevole, creativo e persino cortese. Dovesse divenire fonte di eccessiva preoccupazione, malumori o stress…beh, allora varrebbe davvero la pena chiedersi se insistere o meno.

    il tempo? pomeriggio ho lasciato un mare da favola, uff…Perchè settembre deve essere il periodo più bello per temperature, mare caldo, poca confusione, ecc…ed iniziare la scuola?? Propongo che le scuole riaprano come nel passato:1° ottobre!

    Mi piace

    1. stavolta spero proprio di rimanere, al di là del lavoro… ho intenzione di prendere meno incarichi lavorativi e di dedicarmi di più a me stessa e a ciò che mi piace…blog compreso 🙂 Buonanotte Marirò

      Mi piace

  9. Chiudere un blog è sempre un peccato, normalmente, se ci pensiamo bene, siamo in grado di sapere se abbiamo ancora la voglia di comunicare qualcosa di nuovo a chi ci segue. Penso che la cosa fondamentale in questo caso sia quella di avere la capacità di essere sempre curiosi per imparare ogni giorno cose nuove, anche solo osservando chi ci è intorno. Se manca questa voglia di imparare allora diventa difficile anche scrivere.

    Un saluto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...