sei pisano..

Pisa1sei pisano se  vai a DESINA’ rigorosamente ar TOCCO!

sei pisano se… il re lo chiami REGIO, il settebello lo chiami GEPPINO e il fante lo chiami GOBBO

sei pisano se… il fango lo chiami MOTA

sei pisano se… tu ma’ ti dice FAI AMMODINO!

sei pisano se … quando prendevi l’autobus prendevi il PURMA

sei pisano se… la mortadella la chiami MELONE

sei pisano se… la mollica la chiami MIDOLLA

sei pisano se… il tallone lo chiami CARCAGNO

sei pisano se… costa ‘na cea…

Potrei andare avanti all’infinito, ma penso che non ci avete capito quasi nulla…ma se volete ve le spiego! ahahahahaha…

Abbiamo un vocabolario noi pisani (nel senso di ricchezza lessicale) che di ogni vocabolo possiamo dare almeno 4 o 5 variazioni sul tema 🙂 e la cosa curiosa è che quasi tutte si trovano sullo Zingarelli 😉

Buon mercoledì a tutti

Annunci

22 comments

  1. Ciao Licia, te lo sai che son Livornese ma mi sento guasi pisano, se ti sto a leggè 😀
    A mangià anco ar tocco e mezzo, ir regie er gobbo valgano anche vi da noi, la mota idem, deh l’ho preso ‘na vorta e via ir purma per tirrenia e ir melone la mi mamma me lo metteva sempre ner panino, si lì in mezzo a du fette di pane di ‘ampagna colla midolla morvida 😀
    e i cargagni e li stinchi, boia deh, vanti riordi…

    Un sorriso, siamo sotto lo stesso cielo della nostra bella toscana e per fortuna si sta risvegliando la primavera.

    Marco

    Mi piace

  2. Son Siciliana ma abbiamo in comune “”IL CARCAGNO”” 🙄
    Pronunciato esattemente allo stesso modo.
    Almeno il tallone accomuna due città!! 😉
    Un abbraccio cara Amica 😀

    Mi piace

    1. Ar Tocco significa a mezzanotte?
      che belli i dialetti, li adoro e mi piace anche scoprire le interconnessioni con le culture locali, le abitudini, le usanze, gli intrecci e gli influssi con idiomi del passato e stranieri. Noi siciliani con tutte le dominazioni che abbiamo avuto…abbiamo un vocabolario straricco.
      L’estate scorsa ho scritto un post sull’essere catanese DOC e tanto per giocare un pò al traduttore ti incollo due tra i punti che ho selezionato:
      -SEI catanese DOC se, posteggiando, sai cosa fare mentre il posteggiatore (abusivo) ti urla A RIVESSA, TUTTU O FUNNU, IEMU AVANTI, ARRERI, SCINGILA BONA, SEMU APPOSTO.
      -se sai che il 17 non è solo un numero, che il camioncino dei gelati è una LAPA ,che in un giorno d’inverno il freddo è PARIGGIU, se conosci il significato di AVAJA, BEDDUVALENTI, ZAUDDU, PAGGHIOLU, LONGAMMATULA

      difficile, eh? 🙂

      Ciao,
      Marirò

      Mi piace

  3. Io ho capito tutto perchè ho lavorato per ben 12 anni in quel di Pontedera e mi sento un po pisano anch’io. E poi molti termini e modi di dire sono comuni al dialetto lucchese. La cosa che mi sorprese di più quando la sentii per la prima volta?
    La mortadella chemata melone.
    Una volta dissi a un collega la parola “laveggio” e lui non sapeva cos’era.
    Tu lo sai?

    Mi piace

  4. ammè er carcagno me pare romanesco. poi…

    certo che se davvero si fossero mosse la Capraia e la Gorgona facendo siepe ad Arno in su la foce… sai le risate dei livornesi?

    Mi piace

  5. C’è da farsi una bella cultura a leggere questi termini dialettali che, come giustamente osservi, si trovano anche sul vocabolario.
    Indice di come certe zone di Italia siano entrate di diritto nella cultura nazionale.
    Un sorriso per un sereno fine settimana.
    ^____^

    Mi piace

  6. Ho dato una lettura veloce al Tuo Blog e ti devo dire che mi garba proprio. Sai, io sono lucchese, ossia Versiliese. Il mio paese conta 130 anime se si contano cani, gatti ,galline et.Però per me è come Milano.Non c’è il duomo? Ecchisenefrega, abbiamo la cattedrale delle Alpi Apuane, ti par poco?Poi mi sono accorto che, se meti il compasso sul mio paese e lo fai girare, ti accorgi che è il centro dell’universo. L’università? Ce ne sono come minimo venti, e mi sono tenuto basso. La più importante è quella che ho frequentato io:-L’Università della vita- Li bimba, s’impara di tutto.Non posso certamente approfittare della tua gentilezza, scusa se sono entrato in casa tua, ma…ho trovato aperto. Eppoi, da quanto ho letto, mi sembri la Palma del mio paese, non eri ancora entrato in casa che ti rovesciava sul tavolo tutto quello che aveva.Psss, avrai visto che mi firmo -Maledetto Toscano- non aver paura, faccio per spaventare , ma il più terrorizzato sono io. Senti, ciao, spengo la luce , richiudo la porta e…stai bene.Mantieniti così solare.

    Mi piace

  7. Sei Pisano se … un c’ho punta fame
    sei Pisano se quando ti dicono Meglio un morto in caso gli rispondi ” che Dio t’accontenti”
    sei Pisano se dici “che si vinca o si perda iLLivorno è sempre merda”
    posso continuare anch’io eh!?!?!?!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...