A beautiful mind

beautiful mind.JPG

Questo film racconta la storia romanzata di John Nash (Russell Crowe), vincitore nel 1994 del premio Nobel per l’economia nonostante la sua schizofrenia.

All’inizio del film noi facciamo la conoscenza di Nash, giovane studente a Princeton.

È un personaggio molto strano: apparentemente timido, parla spesso da solo e per questi suoi atteggiamenti viene ridicolizzato dai suoi compagni.

Nash è alla spasmodica ricerca di una idea straordinaria che gli permetta di essere ricordato come un ottimo matematico. E questo avviene per puro caso in un bar, mentre sta cercando la formula per attirare le ragazze. Scopre invece una teoria così rivoluzionaria da cambiare il mondo della economia. Anni dopo, grazie al successo della sua teoria, Nash lavora per una agenzia governativa e diventa professore al MIT; dove conosce una giovane allieva, Alicia (Jennifer Connelly) di cui si innamora perdutamente.

Ma la vita di Nash sprofonda nell’abisso della schizofrenia che lo porta ad una progressiva degenerazione sia della sua vita privata che quella accademica. Corre il rischio di perdere tutto. Ma l’amore di Alicia, che nel frattempo sposa, e la sua forza di volontà, che lo fa convivere con questa malattia, lo riportano a Princeton quando lui è già anziano. E mentre lui sta studiando nella biblioteca di questa prestigiosa università gli si avvicina un ragazzo che, riconoscendolo, gli chiede di potergli far vedere una sua teoria. Mentre incomincia a guardarla, Nash gli offre un sandwich, dicendogli che la moglie adora la maionese…

Sandwiches del Professore

Ingredienti

50 g di tonno sott’olio

1/2 uovo sodo

cetriolini sottaceto a fettine

2 cucchiai di maionese al limone

2 fette di pan carré bianco

Procedimento

Mescolate il tonno con l’uovo sodo tritato ed i cetriolini. Spalmate le fette di pan carrè, a cui avrete tolto i bordi, con abbondante maionese e su ciascuna mettete l’impasto di tonno.

Richiudete il vostro sandwich e buon appetito!

Beh, a me piace questo tramezzino, piace il film, piace la musica della colonna sonora, piace la matematica che movimenta la trama, ma soprattutto a me piace lui, Russell Crowe..