pappa col pomodoro

 

 

Piatto povero per eccellenza, tipico fiorentino, conosciuto da tutti, almeno di nome, per il Gianburrasca (letterario e televisivo), la pappa col pomodoro vanta anch’essa, come gran parte dei piatti poveri italiani, decine di versioni, ve ne do una. Punto di partenza essenziale del bel pane toscano raffermo, che va tagliato a fette sottili.

Io la cucino spesso anche adesso, in inverno, aggiungendo al posto dei pomodori freschi dei buoni pelati e una manciatina di basilico che mi procuro al banco delle verdure del supermercato.

 

 INGREDIENTI:

500 g. di pomodori maturi (o pelati in scatola)
2 spicchi d’aglio
peperoncino e basilico
1 litro di brodo di carne o semplicemente acqua
olio extra vergine di oliva
300 g. di pane casalingo raffermo tagliato a fettine sottili.

 

PREPARAZIONE:

Rosolare l’aglio ed il peperoncino nell’olio e quando sarà imbiondito togliere l’aglio, aggiungere i pomodori passati ed il basilico e farli cuocere per qualche minuto, aggiungere il pane tagliato a fettine sottili, mescolare bene e quando il pane avrà assorbito la salsa di pomodoro aggiungere il brodo bollente regolando il sale. Far bollire per circa 15 minuti aggiungendo altro brodo se occorre. Lasciare riposare un po’ mescolando bene per disfare completamente il pane. Servitela calda ma non bollente con un filo d’olio extra vergine d’oliva Toscano e (se vi piace..a me.. sì) una generosa spolverata di parmigiano grattugiato.

 

Buon sabato a tutti