bandiere rosse

Ho voglia di scrivere qualcosa di nuovo e di divertente. Ho voglia di sorridere con voi..

Vi racconterò di quando mi hanno detto di partecipare ad un incontro sulla gestione delle biblioteche della zona.

Ebbene, tempo fa mi hanno detto che avrei dovuto rappresentare il mio Comune e mi hanno dato le consegne per quell’incontro importante,..di zona.

L’appuntamento era fissato in una biblioteca qui vicino, nel paese di Santa Croce e più precisamente si doveva svolgere dopo cena, in una saletta di quell’edificio. Detto fatto io mi misi tutta in ghingheri e mi diressi in tutta fretta a quell’incontro.

Arrivai verso le 21 e chiesi informazioni a qualche passante per trovare l’indirizzo che mi era stato fornito. Non era difficile: la sede della riunione si trovava proprio in mezzo alla piazza centrale. Mi diressi verso la porta d’ingresso e notai da subito delle bandiere rosse sventolanti con dei simboli che mi sembravano di partiti politici ma tra me e me mi dissi che non c’era da farci caso, in fin dei conti ero sempre all’esterno… Ma una volta entrata la situazione peggiorò perché a tutte le pareti erano appese le stesse bandiere rosse inneggianti al comunismo.

La sala era vuota.. ma illuminata e io mi scelsi un posto comodo nella platea, proprio di fronte al banco dove si vedeva che era stato preparato il microfono e una bottiglia d’acqua. Il tempo passava e la gente cominciò ad arrivare con il contagocce.. un uomo dopo l’altro… nessuna donna. Io, con la borsetta posata sulle ginocchia, facevo l’indifferente anche se mi sentivo un po’ a disagio. Piano piano la platea si riempì completamente… ehi.. tutti uomini e nessuna donna. Cominciai a chiedermi come mai l’argomento biblioteche interessava solo al pubblico maschile, ma non feci in tempo a trovare la risposta che il Capo-banda comiciò il suo discorso da quel bancone su per aria.
“Compagni!…” esordì.. “siamo qui riuniti per trovare la soluzione ai nostri annosi problemi..!”
“’amazza…” mi dissi tra me e me ad occhi sgranati.. “lo sapevo che a Santa Croce sono comunisti..ma ragionare di biblioteche in questi termini non me lo sarei mai aspettato..”..

Poi, quel popò di ossesso che urlava come un mattoide esaltato, mi guardò dritto in faccia ed esclamò: “Tu.. proprio tu compagna… cosa ne pensi?” e mi indicò con il suo ditone dritto su di me.. Tutti si voltarono e mi vergognai come una ladra.. iniziai allora a balbettare dicendo: “ .. Ma… veramente… non credevo che le biblioteche….” ..a quel punto l’ossesso mi interruppe e con sguardo tovo esclamò:
“Biblioteche….?”

e io… “Perché, stasera non si doveva parlare di biblioteche?” .. e lui.. “Guarda che codesta riunione ci doveva essere ieri sera alle 20 nella stanza qui dietro e non qui, stasera alle 21!”
“AHHHHH,…Allora ..scusate.. mi sono proprio sbagliata… “ ..che altro potevo dire? Deglutii il rospo e mi alzai come un verme strisciando verso l’uscita..”. Bel colpo sbagliare la data. l’orario e la sede della riunione!… Sì bel colpo… e nel buio della sera uscii e andai a cercare l’auto parcheggiata per tornarmene a casa, ben sapendo che di lì a poco avrei dovuto fermarmi pechè appena passato il trauma e lo shock per la brutta figura, mi sarebbe preso il convulso dal ridere..

Avevo superato me stessa in distrazione!  🙂

Annunci

30 comments

  1. Può succedere di capire fischi per fiaschi, prendendo degli abbagli su orari, date e quant’altro.
    E’ perché siamo spesso di corsa, pieni di impegni e di cose per la testa, per cui capita! Non solo di posticipare, ma anche di anticipare, magari di una settimana. Ciao!

    Mi piace

  2. …inghippo, disguido, “infortunio” in un certo senso anche divertente…Non hai nulla da vergognarti, anzi c’è solo il rammarico per il tempo perso…
    …ma parlano ancora in questa maniera nelle sedi dei partiti?

    Mi piace

  3. A proposito del post precedente “ricordi”, anche a me un “tizio”, che aveva un blog e che amava far colpo sulle donne, mi regalò una melagrana! Che sia la stessa persona? Saluti da una ex blogger.

    Mi piace

  4. Sei deliziosa,mi hai ricordato una mia cara amica un pò distratta.Ne combina sempre qualcuna,mai grave per fortuna ,io l’adoro.Poi c’è pure il marito di un’altra amica, un pomeriggio intero dovette girare a cercare la macchina, non riusciva a ricordare dove l’avesse posteggiata e tornò a casa col tram. Fu la mia amica ,sua moglie, a ricordargli che era dal meccanico :)))
    Buona giornata Ali

    Mi piace

  5. Qui è l’autunno che si è distratto:-)Oggi è una giornata estiva, peccato che ho i muratori in casa.
    Un abbraccio e buona settimana.
    Mara

    Mi piace

  6. ma lo sai che una volta capitò anche a me? Solo che non andai via ma presi parte anche a quella assemblea e non solo mi feci un sacco di risate ma trovai anche nuovi amici che ancora frequento. …

    Mi piace

  7. Ciao, mi chiamo Orazio, ho letto la tua storia dei melograni, volevo dirti che anche a me è capitata una volta una cosa strana, andavo in bicicletta lungo una strada di campagna, e a un certo punto c’era un tizio vicino a una pianta di melograni, gli ho chiesto cosa faceva, mi ha detto che coglieva gli attimi, e mi ha regalato una melagrana! Ciao, Orazio2003

    Mi piace

  8. Beh, se mi sfidi, allora ti dirò che mi è capitato di sbagliare chiesa e celebrazione, nel senso che sono entrata, vestita da matrimonio serale, quindi abbastanza in tiro, in una chiesa in cui invece ci sarebbe stato un funerale, e ho passato il primo quarto d’ora a pensare che eravamo vestiti tutti uguali, di nero…e non sapevo spiegarmi il motivo di tanta mestizia, mi sembrava giustamente di malaugurio. Non ti sto a dire come sono fuggita a rotta di collo, dopo avere afferrato l’equivoco!!!

    Mi piace

  9. Mi verrebbe di fare una battuta, ma evito per coerenza…sempre per il fatto che mi sono imposto di non parlare di politica….e ti lascio i saluti con una sonora risata….
    Nemo

    Mi piace

  10. :)))

    Ho riso di gusto, pensando alla situazione, scusami: ma ho anche pensato che se fossi finita ad una riunione di integralisti islamici non saresti qui a raccontarlo……….

    Mi piace

  11. Hai portato un pò di gentilezza e femminilità in quella sala… prova ad immaginare come si sarebbe svolta la riunione se tu non fossi stata presente?! Il caso non esiste….credimi 🙂

    Mi piace

  12. dimenticavo..
    @Orazio2003: (che poi di sicuro è anche l’autore dei commenti anonimi precedenti) – vedo che hai mantenuto la verve e che ti diverti a giocherellare con me!.. Sta attento che prendo un bazooka e lo punto verso nord-ovest, alle pendici del monte pisano e ti spennacchio te,.. le tue galline,.. le tue betulle.. e tutti i tuoi libri del piccolo principe! ..Ehi, ma oggi è mercoledì e sarai a Firenze come di solito.. che ti parlo a fare? Ciao CarpeDiem43

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...