saluto..

 

Tra una chiacchiera e un’altra siamo quasi giunti all’ora X, l’ora in cui devo partire per le vacanze.

Sabato mattina presto  mi metterò in moto per il mare e tornerò tra una quindicina di giorni. Non mi allontanerò molto da qui, quel tanto che basta per recarmi ad una delle tante belle spiagge della nostra Italia. Andrò per rilassarmi un po’..e statene certi che ce la metterò tutta per ritemprarmi e allentare un po’ lo spirito e anche il corpo che negli ultimi periodi, dopo l’incidente,  sento particolarmente intorpidito.

Voi nel frattempo fate del vostro meglio per far vivere questa meravigliosa blogosfera e magari lasciatemi un messaggino per dirmi chi troverò di voi al mio ritorno dalle vacanze.. già, perchè agosto è uno dei periodi in cui io vivo più intensamente il blog ma è anche il tempo in cui non c’è quasi nessuno.. spero che non sia così e di poter stare con voi.

Non so se domani ce la farò a fare un giro per portarvi i miei saluti (dipende sempre dal mio tempo e dalla connessione e dal rapporto che c’è tra i due)..se così non fosse.. perdonatemi e sappiate che avrei voluto farlo 

Bene.. ringraziandovi della vostra compagnia e del vostro affetto vi lascio qui un abbraccio grande grande… 

a presto,

Alidada

la sindrome da burnout

Burnout1

“La sindrome da burnout (o più semplicemente burnout)
è l’esito patologico di un processo stressogeno che colpisce le persone che esercitano professioni d’aiuto (helping profession), qualora queste non rispondano in maniera adeguata ai carichi eccessivi di stress che il loro lavoro li porta ad assumere.
Colpisce psicologi, psichiatri, assistenti sociali, infermieri e anche insegnanti.. ecc.
Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata.
Ne consegue che questi soggetti cominciano a sviluppare un lento processo di “logoramento” o “decadenza” psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato (“burnout” in inglese significa proprio “bruciarsi“). “
..
Ammetto la mia ignoranza e stamani per la prima volta ho letto un articolo su questo disturbo, così ho dato un nome a qualcosa che sapevo solo incosciamente che esiste ..
Com’è complicato vivere in questo mondo!

Dolcezza infinita.

Lele

 

Batuffolo caldo
sei il tesoro più bello.
Sei dolcezza infinita
per l’animo umano.
Spalanchi gli occhioni
per guardare lontano
e ti meravigli d’incanti
di un mondo mai visto.
Sono regali preziosi
i tuoi attimi dolci
come il miele d’acacia
trasparente e dorato.
Sono lievi i sussurri
del tuo piccolo cuore
accoccolato così,
nel grembo di zia.
 
Alidada
 
a Rachele e al suo nipotino ..

O.T. … o no?!

Quando visito i blog degli altri mi dà fastidio l’atteggiamento di chi si fa vivo nei commenti dicendo: “Un saluto qui e vado in O.T”.
Mi chiedo che bisogno c’è di dire che si sta per lasciare un messaggio privato. Si potrebbe lasciare un messaggio privato senza farsi vedere da tutti .. Che cosa deve dire quella persona che gli altri commentatori non devono sentire?
E’ come quando si cammina per strada e si vede una che bisbiglia all’orecchio dell’altra mentre ti guarda. Beh, dillo chiaro quel che vuoi dire, che sia un complimento o una critica..
E’ vero o no che in Italia siamo in Democrazia e si può dire quello che si vuole senza rischiare di essere messi al confino!? E che diamine..! E allora ..parla!
Non tollero quell’attegiamento perché mi dà l’idea della persona subdola e maldicente e .. a me le persone subdole e maldicenti mi hanno fatto sempre ribrezzo. Mi ricorda …la carboneria. 
Ok..ok.. lo so che sto facendo la mia arringa urlando a gran voce verso non si sa chi, ma è pur vero che è da tantissimo tempo che non sbraito più verso nessuno e ogni tanto lasciatemelo fare. 
Sia ben chiaro che a me non interessa niente se qualcuno dice male di me e parto dal presupposto che c’è tanta gente che lo fa perché è naturale che sia così, il problema è un altro, è un problema di educazione, è come quando sei ad un ricevimento in mezzo alla gente e vedi due persone che parlano e quando ti avvicini a loro, d’un tratto si zittiscono.
Non mi piace l’atteggiamento… diciamo che se nel mio blog venisse a commentare una persona che mi dicesse: “Vado in O.T.” ..io le risponderei (da notare il “le”) .. “sì, sì.. vai pure in quel posto!”. 
Ma è anche vero che ognuno è libero di fare quel che vuole e allora….. fine del discorso.
Buonanotte a tutti…

i numeri di oggi

cappero

 

Oggi.. 07-07-07 .. sembra l’inizio di una successione numerica o un qualche incomprensibile prefisso telefonico.

Strano caso la regolarità di questi numeri.

Io non amo il numero 7 anche se mi piace scrivere la cifra che di solito gli si associa.. quella del sistema numerico decimale che comunemente usiamo. Una cifra che ha una sua eleganza: è snella,  alta e arricciata in qualche sua forma.. a volte ha una stretta cinturina in vita e sempre si atteggia con il portamento regale.

Il 7 è un numero primo un po’ strano..per me è odioso moltiplicare e dividere per 7. Ricordo che ad un esame all’università mi chiesero il criterio di divisibilità per 7 e ci mancò poco che mi buttassero fuori dell’aula a pedatoni nel didietro da tanto che feci confusione nell’illustrare quell’algoritmo assurdo.

Mio padre ci ricordava sempre che 7 è il numero civico del cimitero del nostro paese .che dire di più! E così in casa mia diventò l’indirizzo della morte..  

Oggi in alcuni siti si festeggia questa strana ricorrenza.. io vado a festeggiare qui su questo gruppo di Flickr.. dove le foto devono essere scattate rigorosamente oggi a questo proposito sono scesa giù in giardino ed ho immortalato (di nuovo.. qualcuno dirà: uffa!) il fiore del cappero, ma stavolta c’è qualcosa.. ovvero qualcuno che si è nascosto al suo interno.. riuscite a vedere il famelico intruso che si è ben mimetizzato? 

Live Heart


“Ventiquattro ore di musica su otto palchi suddivisi nei cinque continenti. Il
7 luglio 2007 è il giorno di Live Earth! Un unico grido in musica per dire basta al surriscaldamento globale, basta all’inquinamento e al degrado ambientale che rischia di rendere inabitabile la Terra entro il 2050.
Al Gore, ex vicepresidente Usa durante l’amministrazione Clinton, l’uomo che otto anni fa perse per un pugno di voti, tra violente polemiche per i presunti brogli, le elezioni presidenziali contro George W. Bush, trasforma il suo manifesto politico in uno dei più grandi eventi musicali della storia.
Ci saranno Madonna (la cui canzone Hey You è diventata una sorta di spot ufficiale di Live Earth), i Red Hot Chili Peppers, i riformati Police, Linkin Park, Snoop Dogg, Duran Duran, i rinati Genesis, Metallica, Pharrell, Alanis Morissette, Gilberto Gil, Good Charlotte, Roger Waters, Bon Jovi, solo per citare alcuni dei principali nomi in cartellone. Uniti per sostenere una campagna che mira al risveglio delle coscienze in tema di ambiente.
Particolarmente atteso il mega-concerto nel rinnovato stadio di Wembley, a Londra. Da due anni Gore gira il mondo predicando il suo monito a innestare la marcia indietro nell’inquinare il pianeta dal clima sempre più sconvolto. Gore parla come un sognatore: “Sono cresciuto con la musica di Dylan e di altri musicisti fondamentali per la mia generazione, credo che ancora oggi gli artisti sappiano parlare al cuore della gente, Live Earth si prefigge di raggiungere e motivare almeno un miliardo di persone sul tema fondamentale della lotta al surriscaldamento globale”. Nonostante la strenua opposizione di Bush e dei repubblicani, Al Gore ha vinto: Live Earth avrà il suo palco anche a New York, sarà trasmesso su tv, satellite, cellulari, Internet e ci saranno 650 maxischermi che ne moltiplicheranno le immagini in tutto il mondo. Poi si vedrà quel che resterà dopo il grande appuntamento musicale e quanto avrà impattato sulla coscienza globale. “
..scopiazzato da qui
Speriamo che serva a qualcosa e che si cominci a cambiare.. dico io!
.

conosciamoci meglio.

 

Mi capita leggendo i vostri blog di sentire un po’ di curiosità su di voi e sulle vostre abitudini.  Dopo tanto tempo che ci frequentiamo senza esserci mai visti mi viene fatto di chiedermi: chissà che fa.. come si comporta..come parla.. come si atteggia..

Succede che mi metto a guardare come si presentano i vostri blog dai vari templates per capire se siete ordinati o disordinati.. precisi o approssimativi.. e altre cose del vostro carattere.

In genere, nella vita reale, non sono una persona che mi incuriosisco di  tutto questo..ma qui è un mondo diverso da quello reale e quel che si dice non sempre basta per comprendersi in pieno.

Beh, tornando a noi, ieri sera ho imparato da AlfiereRosso (abile e inconfondibile maestro 🙂  come si fotografa il monitor e io l’ho fatto. Il risultato è che ora chi pensava che io fossi una persona precisa e ordinata ora non lo penserà più . 😦 

Ebbene sì, quella sopra è l’abituale scrivania del mio computer ..Oddio, le icone cambiano giorno per giorno, ma l’aspetto consueto è quello.  

Lo so che il pc si rallenta e so anche un sacco di altre cosette negative per cui non dovrei affollare di icone il mio desktop.. ma che vuoi farci.. mi piace così..