by this river

Here we are
Stuck by this river,
You and I
Underneath a sky that’s ever falling down,
Ever falling down.

Through the day
As if on an ocean
Waiting here,
Always failing to remember why we came:
I wonder why we came.

You talk to me
as if from a distance
And I reply
With impressions chosen from another time,
From another time.
.

Brian Eno

.

la traduzione è qui

Buon Anno Nuovo a tutti

Alidada

.

.

tre cerini

Tre cerini nell’oscurita’ della notte:
uno per illuminare i tuoi occhi;
uno per illuminare la tua bocca;
uno per illuminare il tuo viso;
e poi l’oscurità per ricordare tutto questo stringendoti a me.

(J. Prevert)

.

.

Grazie ad Antonella per la sua bella foto.

… mi raccomando.. aspettate di scaricare la musica in sottofondo..

 

La musique

.

La musique souvent me prend comme une mer!
Vers ma pâle étoile,
Sous un plafond de brume ou dans un vaste éther,
Je mets à la voile;

La poitrine en avant et les poumons gonflés
Comme de la toile
J’escalade le dos des flots amoncelés
Que la nuit me voile;

Je sens vibrer en moi toutes les passions
D’un vaisseau qui souffre;
Le bon vent, la tempête et ses convulsions

Sur l’immense gouffre
Me bercent. D’autres fois, calme plat, grand miroir
De mon désespoir!

Charles Baudelaire

.

.

come i baci.. i miei post più belli e più veri sono stati quelli che pensavo fossero gli ultimi...

~ la traduzione della poesia …qui

 

Toscana ..ti amo

arcobaleno

.

.

I verdi giocano tra loro a ricoprir la vallata

i prati con l’erba odorosa

e gli olivi con qualcosa di argento tra i rami

Qua e là le punte acuminate dei cipressi bucano il cielo

mentre le frasche giallognole

sono l’unico segno di fronde cadute in letargo.

Il crinale coperto dalle case  solenni

si spiega a seguir la collina

Il sole invernale discosta le nubi

e irradia tepori benevoli…

Il cielo regala il suo azzurro

più  tenue a stemperare i colori

Io mi fermo ad osservare

Toscana.. ti amo!

.

.

Alidada

Alla ricerca dei ricordi.

.

So che non tornerete

Non è questione di tempo.

Eppure odo le vostre voci

a farmi compagnia

insieme agli altri

alla tavola imbandita.

E sento le parole.

Ed ecco i complimenti.

Le risa e i gesti.

I sorrisi e le affettuosità

di chi si vuole  bene.

Siete ancora qui,

o forse no, mi sbaglio,

le sedie sono vuote.

Vorrei che la questione

fosse il tempo

e che domani fosse ieri.

Mi fermo a scaldare

le mie mani

al fuoco del camino.

Attimi infiniti.

Aspetto inerte

e lascio libera la mia mente

di spaziare e perdersi

alla ricerca dei ricordi.

.

.

Alidada

 

( dedicata a mio padre e mio fratello…  anche questo è Natale)