ciao mare

Ed ecco ce ne andiamo come siamo venuti
arrivederci fratello mare
mi porto un po’ della tua ghiaia
un po’ del tuo sale azzurro
un po’ della tua infinità
e un pochino della tua luce
e della tua infelicità.
Ci hai saputo dir molte cose
sul tuo destino di mare
eccoci con un po’ più di speranza
eccoci con un po’ più di saggezza
e ce ne andiamo come siamo venuti
arrivederci fratello mare.
.
.
Nazim  Hikmet
.
.
.
 

La guerra dei mondi

 Mi sono sempre piaciuti i gialli e anche la fantascienza. Sia leggere quel genere di libri che anche vederne i film. Qualche giorno fa sono stata al cinema. Qui vicino c’è un multisala e gli spettacoli che danno sono sempre di vario tipo. Ho guardato i cartelloni e ho letto le trame, ho visto chi era nominato nel cast degli attori, il nome del regista e ho sbirciato qualche critica. Poi ho scelto “la guerra dei mondi” con Tom Cruise (che mi è sempre piaciuto tanto), regia di Spielberg. Un kolossal di cui hanno tanto parlato anche in tv. Io mi aspettavo una coinvolgente avventura nel mondo fantastico, non immaginavo di trovarmi in mezzo a tanto caos. Tripodi enormi che si muovevano in una scena sempre buia al suono scatenato di un dolby surround incredibile (tutte quelle botte hanno quel nome lì?) e che rincorrevano un Tom Cruise che non faceva altro che scappare. Mai un dialogo, mai una tregua.. Non vi dico che ansia! Sono uscita così intontita che nemmeno trovavo più l’auto per tornare a casa. E che diamine.. ma che quella cosa lì, ora, si chiama fantascienza?!

Buona domenica a tutti,

Alidada