libecciata

Battistero di Firenze

A prima vista, io sembro un tipo tranquillo che vive placidamente la sua vita evitando grane.. ma le cose non stanno proprio così. Sono una “falsa tranquilla” ..ovvero un’inquieta che ama i contrasti e vive forte anche l’esperienza di andare a comprare il pane la mattina.  Vorrei esser diversa perchè vivere la vita in questo modo è faticoso.. ma non posso farci nulla, sono nata con questo corredo cromosomico e me lo devo tenere.. Voi non fateci caso se ogni tanto all’improvviso perdo la pazienza e sbotto.. è più forte di me.. non posso farci nulla. Tempo fa un’amica mi paragonava ad una libecciata estiva, uno di quei venti che all’improvviso sbaragliano il mare, la sabbia e gli ombrelloni.. e poi si placano. Carina la metafora vero? 🙂

Buona giornata a tutti

Alidada

Annunci

9 comments

  1. Son passato qui di prima mattina e mi si sono scompigliati tutti quei pochi capelli che ancora tengono duro … ^__^
    Buongiorno, Alid
    A.

    p.s.: si vince nulla per il commento N° 1? perchè è la prima volta credo … ^__^

    Mi piace

  2. Io le libecciate estive le conosco bene… specie quelle del tirreno!!! ;)) So cosa vuoi dire, lo so benissimo! Unavolta ero così anche io… ora no, almeno apparentemente. Mi sono come “scollata”, non c’è più niente che riesca a coinvolgermi così tanto… non so quanto stia meglio io di te…. mi da sempre l’impressione che il mio sia un “non vivere”…. la pace del Buddha, ma da qualche parte qualcosa mi dice che è sbagliato…. :)) Un abbraccio Luna

    Mi piace

  3. Sono Patrizia e insegno materie letterarie a Parma.Ho scritto per sbaglio il commento nel post precedente.
    Volevo presentarmi (ma serve a qualcosa?)e dire un’ultima cosa: ma un blog non è un sito a cui possono accedere tutti? Come si può pensare di dire qualsiasi cavolata senza suscitare
    reazioni o appunto commenti? oppure si crede che sia un salotto privato e chiuso a chiave per pochi intimi?

    Mi piace

  4. Ho letto i post precedenti, inviterei il signor anonimo a cimentarsi nella nostra professione, non per qualche ora, ma per un intero anno scolastico. Solo allora se ne potrà discutere ad armi pari.
    A te lascio un abbraccio da prof a prof.
    Con affetto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...